featured image

Rocce vive in acquario marino: Tutti i consigli utili

By ammin in Accessori acquario marino on 4 febbraio 2016 - No Comments

Se inserite rocce vive nel vostro acquario per la prima volta, ci sono da sapere e conoscere alcune semplici regole per allestire il proprio acquario marino con le rocce vive.

Rocce vive
Rocce vive

Le rocce vive in acquario marino

Una volta inserite in acquario le nostre rocce vive, il modo migliore per evitare di avere un impatto di picco di ammoniaca in vasca è quello di scegliere e spurgare se necessario le nostre rocce vive prima di metterle in acquario. Naturalmente, si considera il fatto che abbiate scelto delle rocce vive di altissima qualità. Ci sono diverse cose da considerare prima di iniziare il processo:

  • Riempite un contenitore abbastanza grande per contenere le vostre rocce vive con acqua salata. Per grandi quantità di roccia vive, utilizzate grandi contenitori di plastica che andranno bene per lo scopo. Fate attenzione a non riempire troppo il contenitore, il livello dell’acqua salirà quando si aggiungeranno le rocce vive.
  • Aggiungete un riscaldatore per ottenere la temperatura dell’acqua appropriata (25 – 26 gradi) ed un ossigenatore.
  • Ora è necessario pulire le rocce vive. Questo accelererà il processo di polimerizzazione. Mettetevi però un paio di guanti in modo da non farvi male durante la manipolazione delle rocce vive (ricordate che non si sa quello che trasporta una roccia viva).
  • Prepara un piccolo secchio d’acqua salata vicino a dove si sta lavorando.
  • Durante il processo di pre-pulizia della roccia viva, utilizzate un flacone spray per mantenere la roccia viva umida.
  • Controllate ogni roccia viva per trovare eventuali organismi evidenti che strisciano intorno o all’interno dei pori.
  • Rimuovete tutto ciò che si trova o che sembra essere un parassita.
  • Fate attenzione quando si maneggia uno di questi parassiti, molti di loro possono causare danni.
  • Rimuovete i parassiti che sono vivi, è il momento di rimuovere tutto ciò che è morto dalla roccia viva.
  • Dovrebbe essere abbastanza facile individuare gli organismi che muoiono sulla roccia viva.
  • Rimuovete tutto ciò che si trova. Infine, immergete la roccia viva nel vostro secchiello e rimuovete eventuali detriti.
  • Mettete la roccia nel contenitore di polimerizzazione e passate al prossimo pezzo.
  • Una volta che tutte le rocce vive sono state pre-pulite, collocatele nel vostro contenitore per la polimerizzazione.

A questo punto fai maturare l’acqua e fai cambi ogni 3 o 4 giorni. Se si ignorano questi cambi d’acqua, il picco di ammoniaca può essere così alto da uccidere le vostre rocce vive. Non c’è davvero un limite di tempo per le rocce vive, dipenderà dalla qualità della roccia viva tra le altre cose (tempo che può essere da pochi giorni a un mese). Di solito è possibile che il processo di polimerizzazione avviene quando il forte odore di roccia viva sparirà. Un approccio più scientifico è quello di monitorare l’ammoniaca e i nitriti con un kit di test. Una volta che entrambi questi composti sono a zero, la vostra roccia viva è pronta per essere inserita nel vostro acquario.

Un metodo più veloce è quello di comprare delle rocce vive già spurgate e pronte per l’uso come queste rocce marine.

Ottime sono anche quelle a base aragonitica visibili qui

 

  • ammin - 4 febbraio 2016