featured image

Oodinium

By ammin in Acquario Dolce on 25 luglio 2013 - No Comments

Oodinium

L’Oodinium è una di quelle malattie che può affliggere i pesci sia di acqua dolce sia i pesci negli acquari di acqua salata. Viene conosciuta anche con il nome comune di “Malattia Velluto” perchè ricopre il pesce di una patina di questi parassiti su tutto il corpo. L’Oodinium o Oodiniasi è difficile da identificare precocemente, se il nostro pesce viene colpito da questa malattia avrà questi sintomi: Debolezza, difficoltà respiratorie, perdita di appetito, sbiadimento dei colori. Il nostro pesce colpito da Ooodinium potrebbe anche strofinarsi ripetutamente e anche in modo violento su tutto quello che trova in vasca come rocce, piante e decorazioni con il rischio di ferirsi. Nell’insorgere di questa malattia potremo notare sul nostro pesce il diffondersi di piccole macchie bianche/gialle. Nel progressivo progredire della malattia, le squame possono andare a brandelli.

La malattia Oodinium è dovuta a parassiti della famiglia Dinophyceae quindi dalle alghe senza clorofilla. Questa malattia infestante da prima colpisce le branchie e quindi il sistema respiratorio per poi passare a ricoprire tutto il corpo da un velluto parassitario. Questi parassiti si nutrono del corpo del pesce causando danni epiteliali, necrosi cronica, infiammazioni, sanguinamenti e la perdita del tessuto. La debellazione di questo parassita può essere facilmente evitata utilizzando un filtro UV che può prevenire la diffusione di questi parassiti.

Più il pesce è infestato più sarà maggiormente indebolito, il trattamento per la cura in questo caso sarà meno efficace. Su soggetti adulti, l’uso di solfato di rame può dare ottimi risultati, mentre l’FMC può essere un rimedio molto efficace contro l’Oodinium. Il trattamento deve avere la durata di una settimana, cambiando parzialmente l’acqua, in modo da essere sicuri di colpire il parassita in tutte le fasi del suo ciclo di vita. La temperatura dell’acquario se è di 28-29 °C permette l’accelerazione del diffondersi del parassita.

Al di sotto dei 16°C invece, negli acquari l’infestazione parassitaria può essere notevolmente ridotta, ma il pesce non sopporterà sicuramente una temperatura simile. Prodotti commerciali specifici dimostrano l’efficacia, se usato nelle giuste condizioni e con il corretto dosaggio. Dopo il trattamento, è opportuno fare un cambio d’acqua del 20-50% e mettere carbone nel filtro per 48-72 ore (non dimenticate di rimuoverlo).

Cura dell’Oodinium

L’ Oodinium è curabile attraverso un trattamento medico a base di rame. Un sterilizzatore UV è consigliabile per liberarsi dei parassiti presenti nell’acqua che possono infettare altri abitanti dell’acquario. Solfato di rame (0,3 grammi per 1000 litri di acqua) o di altri sali contenenti rame, chinina cloridrato (1,5 grammi per 1000 litri di acqua), FMC, sono ottimi trattamenti.

  • ammin - 25 luglio 2013